GRANDE LIMITE A PIEDILUCO

Sopra i pronostici la Limite al secondo Meeting Nazionale, due equipaggi sul gradino più alto del podio. Bella soddisfazione per l'otto femminile junior organizzato dal comitato toscano, ma targarto Canottieri Limite con Bedogni Eleonora, Reali Greta, Fusco Martina e timoniere Biondi Dario che si aggiudica la gara mettendo in fila Monate e Torino. Sono d'oro anche Barbieri Alessio e Ammannati Filippo che ancora una volta dicono la loro nelle specialità non olimpiche. Non deludono quindi i due senior che esaltano la tribuna quando vincono con largo margine il quattro con misto assieme ai due ragazzi del Cus Bari. Complimenti dunque a Barbieri e Ammannati che pagano un po le energie spese in quattro con e non vanno oltre il quinto posto in due con. I complimenti non possono mancare per la giovanissima Ginevra Marconcini che conduce al timone sia il quattro con che il due con senior disputando due gare con autorevolezza e determinazione nonostate oltre a tenere la direzione deve incitare e gestire degli atleti esperti e di tutto rispetto. Deludono i due equipaggi schierati nel due senza junior con Reali Adriano e Bernardini Alessandro eliminati nelle qualificazioni, ma ancora di più Pucci Elia e Iacopini Dario che partono dalla bellissima finale al primo Meeting e giungono solo settimi in finale B. Ecco però il riscatto di Pucci, Iacopini, Reali e Bernardini che non si arrendono, non cala il morale e tirano fuori dal cilindro un'esaltante gara nel quattro senza. I quattro junior in una delle specialità più difficili del canottaggio si giocano un posto sul podio fin dall'inizio della gara. Sul finale il primo posto è già ben definito, ma tre equipaggi sulla stessa linea si giocano il podio con la Limite da applausi che si prende il terzo posto. Va peggio al quattro con ragazzi di Rabatti Ernesto, Cannalire Valerio, Orsi Leonardo, Santini Samuele e timoniere Dario Biondi che nella fotocopia della gara disputata dal quattro senza junior, scendono di un soffio dal podio giungendo quarti, pagando forse la fatica accumulata da Rabatti e Cannalire che erano reduci dal sesto posto nel due senza.