ARCHIVIO

Cerca:
Archivio

Configurazione Paginazione
La Canottieri saluta Antonio Pierozzi
La Canottieri Limite saluta per l'ultima volta davanti alla vecchia sede, ora Museo della nautica e del canottaggio, Antonio Pierozzi. Antonio è stato uno dei protagonisti della storia della Canottieri, consigliere negli anni sessanta e vicepresidente dal '81 al '93. L'opera più importante fatta per la Canottieri è stata la progettazione e la realizzazione della vasca da voga inaugurata nel 1985 alla presenza dei fratelli Abbagnale. Le condizioni dell'Arno non erano buone e la costruzione della vasca da voga, realizzata con la manodopera di alcuni soci che dopo il lavoro si dedicarono al progetto di Antonio, dette respiro ai canottieri limitesi che non riuscivano più ad allenarsi in acqua. La vasca non solo mise una toppa alle drastiche condizioni dell'Arno di quel periodo, ma nel tempo ha contribuito alla formazione di tutti gli atleti che si sono affacciati al canottaggio presso la Limite. Nel 1985 la vasca da voga, ancora oggi utilizzata soprattutto per l'inserimento dei giovani atleti del CAS e parte del Museo, era la più grande d'Europa e la prima ad avere la possibilità di remare sia di coppia che di punta sugli otto carrelli disponibili. Da diverso tempo le condizioni fisiche non gli permettevano di spostarsi da solo, ma nonostante tutto ogni anno non è mai mancato all'inaugurazione dell'anno remiero per il pranzo sociale dimostrando il proprio amore per la Canottieri Limite. Nel 2019 proprio in occasione del pranzo sociale, riceve il diploma e la tessera di socio benemerito, massimo riconoscimento che da statuto può conferire la Società. Tutto il Consiglio si stringe in un abbraccio alla famiglia di Antonio Pierozzi.

BRONZO AI CAMPIONATI ITALIANI DI VARESE
Bronzo ai Campionati Italiani di Varese per la Canottieri Limite MAC Autoadesivi - Banca Cambiano 1884 - Paci Paolo Siderurgica. Nonostante le grandi difficoltà imposte dalle misure di contenimento anti Covid-19 ottima l'organizzazione sul campo di regata. Il canottaggio non poteva avere scenario migliore che del campo di gara internazionale della Schiranna dove da diversi anni oramai, si disputano eventi internazionali e nazionali di alto livello. Il tutto chiaramente nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza anti contagio. Trasformata radicalmente l’area premiazioni per rispettare le direttive imposte dalla pandemia e tutto chiuso al pubblico, è stata quindi transennata tutta la zona e strutturata per garantire il distanziamento. Per gli sport come il Canottaggio dove l'unica ricompensa alla fine di una gara sono gli applausi dei genitori e del pubblico presente non rimane proprio nulla, a parte una pacca sulle spalle di un allenatore o l'abbraccio di un compagno di barca. La Limite dunque conquista un meritatissimo bronzo nella finale del quattro senza pesi leggeri under 23 dove Ernesto Rabatti, Dario Biondi, Lorenzo Bonaffini e Alessandro Giglioli rimangono attaccati alle prime tre posizioni fin dalle prime battute e la gara infatti rimane aperta solo per il podio con il quarto equipaggio nettamente distanziato. Non male la prova del due senza ragazzi di Edoardo Busoni e Matteo Rimoli che dopo un lungo fine settimana passando dal secondo posto delle qualifiche ed il terzo delle semifinali non hanno bisogno di recuperi ed accedono direttamente alla finale, Conducono un ottima gara con un podio irraggiungibile, ma un finale di gara entusiasmante con tre equipaggi sulla stessa linea dove i due ragazzi si piazzano al settimo posto. In singolo Samuele Gori fatica in qualifica e passando dal secondo posto dei recuperi approda in semifinale dove pero si deve accontentare della finale B per raggiungere la 13 piazza. Quinto in fine il quattro con Ragazzi di Daniele Cecchi, Dario Morelli, Matteo Brunetti, Nicholas Cartei ed il timoniere Tommaso Nencini.

TOP << [ 1 2 3 4 5 ] >> END



INDIETRO